Sogni | Kabbalah Centre Italia

Sogni

La Vita non e Altro che un Sogno

 

SOGNI

La Kabbalah considera il mondo fisico un'illusione, una dimora temporanea e non la vera realtà. Sì, la vita non è altro che un sogno.

 

Il nostro mondo fatto di cappuccino al mattino e di lunghe file nel traffico è solo uno dei tanti mondi e dimensioni immaginarie che ci separano dalla vera realtà. Le altre dimensioni sono raggiungibili in molti modi, tra cui lo stato onirico.

 

LO SCOPO DEL SONNO

Dopo il tramonto, quando le stelle illuminano la notte, parte dell'anima lascia il corpo. Anche se siamo svegli, una parte dell'anima ci lascia ed è una delle ragioni per cui iniziamo a sentirci stanchi e svuotati quando sopraggiunge la notte.

 

Secondo lo Zohar, durante il sonno solo 1/60 dell'anima rimane nel corpo per sostenerci fisicamente, mentre i restanti 59/60 lasciano il corpo.

 

Quando il nostro corpo è addormentato, si spezzano all'improvviso le catene dell'esistenza fisica. L'anima è libera di salire in alto, nell'atmosfera spirituale, dove riceve nutrimento, forza e fa il cambio dell'olio. Perché ha bisogno di ricaricarsi?

 

Durante una normale, caotica giornata, i limiti di tempo, spazio e movimento mettono a dura prova corpo ed anima. Prendiamo il tempo, ad esempio: il tempo ci tiene costantemente sotto pressione. Cerchiamo di non perdere terreno e ci affanniamo a rispettare le scadenze in una corsa contro il tempo o diventiamo nervosi e impazienti se il tempo rallenta e si trascina stancamente.

 

PERCHÉ LO STATO ONIRICO?

Durante la "sintonizzazione metafisica", l'anima si trova in un regno oltre lo spazio e il tempo. Passato, presente e futuro sono un'unica cosa. Sono visibili tutti gli eventi della vita, dalla nascita alla morte. Così, oltre a ricaricarsi, spesso l'anima scorge eventi che devono ancora accadere, positivi o negativi. Queste visioni vengono filtrate fino al corpo, dove diventano sogni.

 

La maggior parte dei sogni è un insieme di tante cose. In altre parole, da una parte il sogno è fatto di eventi, esperienze e pensieri che occupano la parte cosciente della mente. In mezzo, sono disseminate le visioni dell'anima, che dimorano nel subconscio.

 

Secondo la Kabbalah, i sogni ci danno l'opportunità di scoprire i lati negativi del carattere. Ci aiutano a comprendere in cosa dobbiamo cambiare per crescere dal punto di vista spirituale. Ovviamente, dobbiamo saperli interpretare per scorgere questa saggezza.

 

Inoltre, se una persona non ha intenzione o desiderio di cambiare o di vivere la crescita e la trasformazione spirituale (probabilmente, il 95% della popolazione mondiale rientra in questa categoria), allora è molto più difficile individuare i messaggi dell'anima. Infatti, non riusciremo neanche a ricordarci la maggior parte dei sogni.

Torna su

 

VERITÀ E CONSEGUENZE

Tutte le azioni negative nei confronti degli altri hanno delle ripercussioni, come impone la legge di causa-effetto.

 

Possiamo negare questa verità spirituale. Ignorarla. Dubitarne. O magari neanche rendercene conto.

 

Tuttavia, per ogni sguardo invidioso, parola scortese e risposta rabbiosa, l'effetto negativo su di noi è lo stesso. Come un vero e proprio effetto boomerang.

 

Tutte le ripercussioni che incombono all'orizzonte sono ciò che l'anima percepisce durante il sonno. Quando l'anima intravede conseguenze molto gravi, in genere si hanno degli incubi.

 

Se siamo ricettivi, possiamo estrarre i messaggi contenuti negli incubi e iniziare a capire in cosa dobbiamo cambiare. Il cambiamento spirituale è un metodo proattivo per allontanare gli effetti negativi.

 

Si dice che Re Davide fosse un uomo con un carattere spirituale straordinario. Ogni volta che viveva un incubo spaventoso, era in grado di dedurne il messaggio e realizzare i necessari cambiamenti spirituali.

 

D'altronde, nello Zohar è scritto che un uomo ingiusto farà spesso un bel sogno (non veritiero) e sarà portato ancora più lontano dal sentiero della verità. Questo principio spirituale è spiegato nel seguente passaggio dello Zohar:

 

Chiunque sia disposto a purificare se stesso è purificato dall’alto, e chiunque sia disposto a contaminarsi, è similmente contaminato dall’alto.-Zohar II, 200a

 

Più un individuo è spirituale, più sono veritieri i sogni che fa.

 

Quando una persona è dedita a comportamenti egoistici, se è schiava del proprio ego, la bilancia del potere penderà dalla parte del corpo e non dell'anima. In questo modo, sarà molto più difficile per l'anima elevarsi durante il sonno.

Torna su

 

INVENTARIO QUOTIDIANO

I kabbalisti ci insegnano che ogni notte l'anima si eleva e le viene chiesto se abbiamo compiuto qualche azione spirituale durante il giorno. Se la risposta è negativa, l'anima non riesce a ricaricarsi completamente. Ci svegliamo stanchi e apatici, indipendentemente da quante ore abbiamo dormito. Ci sentiamo spossati anche se prendiamo delle vitamine o facciamo attività fisica (la ragione per cui le nostre vite non sono sempre appagate e piene di energia è che non conosciamo e perciò non viviamo seguendo le regole del mondo spirituale).

 

Secondo lo Zohar, chi non sogna per sette o più giorni, è consumato dai desideri egoistici ed è controllato da forze incredibilmente negative. Ogni giorno i comportamenti negativi superano di gran lunga quelli positivi.

 

Ma non preoccuparti. Molti di noi non riescono a ricordare i propri sogni. In questi casi, il problema è la mancanza di comunicazione con la propria anima. Se c'è mancanza di apprendimento e crescita spirituale, non meritiamo di ricordarci i sogni.

 

 

VERITÀ E BUGIE

Secondo lo Zohar, tutti i sogni contengono verità e bugie. I sogni fatti tra la mezzanotte e le 5 del mattino, in genere contengono molta più verità che bugie.

Torna su

 

LIVELLI DEI SOGNI

Sogni naturali

È il livello più basso dello stato onirico. Vive questo livello chi è materialista ed egoista. I loro sogni riguardano in genere interessi materiali, il caos della loro vita e le ansie che li affliggono durante il giorno.

 

Incubi

Gli incubi derivano in genere dal nostro comportamento negativo. Spesso le forze negative sussurrano nelle nostre orecchie tutte le cose che ci terrorizzano e ci tormentano.

 

Sogni della provvidenza

Questo livello rappresenta i messaggi, gli avvertimenti e le lezioni di vita. Dobbiamo cercare in tutti i modi di ricordare questi sogni e assorbire il messagio che ci trasmettono. Capita di frequente di svegliarsi nel cuore della notte, dopo aver vissuto questo livello di sogno. Se è possibile, bisognerebbe prendere nota di tutti i dettagli, perché è in essi che spesso si nascondono i messaggi più importanti.

 

Sogni profetici

Questo livello di sogno si dimentica quasi sempre. È trasparente e si manifesta spesso a chi ha dedicato la propria vita alla trasformazione spirituale.

Torna su

 

INTERPRETAZIONE DEI SOGNI

Interpretare i sogni è un'operazione delicata e solo chi è molto competente in materia sarà in grado di comprendere i veri messaggi che si nascondono in essi.

 

Un sogno non interpretato si può paragonare a una persona che durante la notte riceve un pacco riservato, tramite corriere espresso, e non si preoccupa di aprirlo.

 

Se facciamo un bel sogno ma non lo facciamo interpretare, non ne sfruttiamo il potenziale. È molto più difficile che gli elementi positivi del sogno si manifestino nella nostra vita.

 

Inoltre, se non comprendiamo i messaggi che ci trasmettono i sogni, ci lasciamo sfuggire il percorso e il punto specifico di riparazione per ottenere il quale siamo venuti al mondo. In altri termini, esiste un aspetto del nostro carattere interiore che ha bisogno di riparazione e cambiamento. Il percorso per realizzare questo cambiamento è svelato nei sogni. Potrebbe esserci un conflitto con un amico in attesa di essere risolto. La causa del conflitto potrebbe essere la nostra testardaggine e non ce ne siamo ancora resi conto. O una mancanza di attenzioni e premura nei confronti di una persona cara.

 

Se non si risolvono questo genere di situazioni e se non modifichiamo il nostro carattere, spalanchiamo le porte al caos e alla negatività facendoli entrare nelle nostre vite. Queste circostanze irrisolte sono spesso la causa alla base delle fin troppo comuni "apparizioni improvvise" di turbamento che ci colgono sempre alla sprovvista.

 

Come dice chiaramente un vecchio proverbio: la legge non ammette ignoranza.

 

Attenzione all'interpretazione

È scritto che, durante il periodo del secondo Tempio (circa 2000 anni fa), a Gerusalemme c'erano 24 persone che interpretavano i sogni. Se si raccontava un sogno ad ognuno dei 24 interpreti, era molto probabile che si ricevessero 24 interpretazioni diverse.

 

Incredibilmente, secondo i saggi, tutte le 24 interpretazioni potevano avere riscontro nel mondo fisico. Ciò vuol dire che l'atto di interpretare agisce sul sogno e può influenzare radicalmente il suo significato nel mondo fisico.

 

Per questo motivo, nello Zohar è scritto che l'interpretazione di un sogno è in realtà più importante del sogno stesso. Per cui, è doveroso fare di tutto per trovare la persona adatta ad interpretare i sogni. Dovrebbe essere qualcuno che ci ama sinceramente e si prende cura di noi o una persona spirituale che ama tutto il genere umano, perché l'interpretazione avrà effetto su come il sogno influenza la nostra vita.

 

Il bicchiere mezzo pieno

Secondo la Kabbalah, non dovremmo parlare dei nostri sogni negativi a più di una persona, per evitare alla sua parte fisica di manifestarsi.

 

Una persona che ti ama, interpreterà sempre un sogno negativo in maniera più ottimistica, cosa estremamente importante. Ad esempio, nel caso di un incidente, si potrebbe interpretarlo non come un evento fisico ma come un segnale che, nella nostra vita, c'è qualcosa di spirituale su cui dobbiamo lavorare e che dobbiamo sistemare.

 

Nello Zohar è scritto:

Abbiamo imparato che, quando un uomo ha fatto un sogno, dovrebbe confidarsi prima con le persone amiche e queste dovrebbero fargli i migliori auguri ed esprimersi con parole di buon auspicio.

Un amico dell'uomo darà un'interpretazione positiva e così tutto andrà bene.

Zohar II, 200a

 

Se si fa un sogno molto brutto, non se ne dovrebbe parlare direttamente perché, secondo la Kabbalah, potrebbe essere spiritualmente pericoloso.

 

Inoltre, non bisogna parlare mai del futuro e non porre limiti all'individuo. Al contrario, l'interprete dovrebbe consigliare, in modo positivo, a chi ha sognato, cosa fare nel presente.

 

Altre letture sui sogni: The Dreams Book

Torna su

http://www.facebook.com/kabbalah.italia  Contattaci

logo